Premio Strega Europeo 2018 – I vincitori

Annuncio del primo vincitore

Fabio Geda (a sinistra) annuncia il primo vincitore

E’ appena stata annunciata al Collegio Carlo Alberto di Torino la cinquina dei finalisti di questa V Edizione del “Premio Strega Europeo”. Ad annunciarli Nicola Lagioia e Stefano Petrocchi con l’intervento di Giuseppe Culicchia, Fabio Geda, Martino Gozzi, Giusi Marchetta ed Elena Varvello.

Fabio Geda annuncia il primo finalista: “Patria” di Fernando Aramburu (Guanda Editore)

Secondo finalista è “La scomparsa di Josef Mengele” di Oliver Cuez (Neri Pozza)

Terzo nella classifica dei finalisti “Peccati gloriosi” di Lisa McInerney (Bompiani Editore)

Martino Gozzi annuncia il quarto candidato: “Hotel Silence” di Audur Ava Olafsdottir (Einaudi Editore)

Quinto e ultimo candidato finalista: “Si scioglie” di Lize Spit (Edizioni EO)

 

Annunci

Bar Sport – Stefano Benni

7706_barsport_1288080940

Eh beh… si sapeva che questo momento sarebbe arrivato.
Il problema però è che faccio tutto al contrario: prima incontro gli autori (e in alcuni casi li intervisto), e poi leggo le loro opere. Per fortuna però si tratta soltanto di casi sporadici, non rientra nella normalità. Ebbene dopo aver beccato Stefano Benni alla Feltrinelli e condotto con lui un’intervista sul libro “Prendiluna” -altro titolo nella mia wishlist- ho finalmente preso tra le mani quella che rappresenta la sua opera più famosa (non avendo letto altro del medesimo autore non posso aggiungere che sia la più bella, attualmente sono ahimè sprovvista dei termini di paragone).
“Bar Sport” è un classico della narrativa umoristica italiana, e la prima edizione è stata curata dalla Mondadori nel ’76. Undici anni dopo Benni pubblica da Feltrinelli il séguito: “Bar Sport Duemila” e  nel 2016, in occasione del 40° anniversario dell’uscita dell’originale del 1976 è stato ripubblicato.
All’interno di “Bar Sport”, l’autore fa un’accorta e divertente descrizione del tipico ambiente dei bar italiani, soprattutto quelli di provincia. Ogni capitolo è dedicato ad un soggetto, un oggetto o un aneddoto legato al Bar. La descrizione ironica di ognuno di questi elementi è elemento distintivo dello stile di Benni. Gli effetti (benèfici) di questa lettura hanno superato le aspettative, le quali erano di per sé già piuttosto alte.
Leggendo alcuni episodi del libro, non ho saputo trattenere le risate.
Anche di notte… Mentre il resto della famiglia dormiva beatamente.
Quando dei libri mi regalano inaspettatamente dei momenti così belli, penso sempre a
quanto può essere meravigliosa la letteratura, questa nostra grande, preziosa, fedelissima amica!

 

Vite brevi di uomini eminenti – John Aubrey

46caea36dfe67c4034b805746b223a0a_w600_h_mw_mh_cs_cx_cy

E’ stato un po’ complicato a dire il vero, mantenere una certa costanza nella lettura di questa opera di indubbia qualità, curata da John Aubrey. Questo nobile signore di origini britanniche vissuto durante buona parte del Seicento, la cui vita stessa può considerarsi una vera e propria opera -Aubrey fu naturalista, fisico, pittore, letterato ma soprattutto diede un forte contributo all’antiquaria-, ha raccolto una serie di profili biografici per lo più di uomini appartenenti alla nobiltà inglese, raccontando aneddoti di ogni specie, curiosi, bizzarri, con un’arguzia pungente e un’eleganza stilistica elaborata tipica barocca. Dal filosofo Thomas Hobbes a William Shakespeare, passando per una lunga processione di vite straordinarie e lussuose di Conti, uomini di chiesa, professori, uomini di lettere e uomini di scienza. Molti nomi erano a me ignoti, ma non nascondo un certo divertimento nel leggerne le loro peculiarità caratteriali, i capricci, i difetti, le gelosie.
Una genialità raffinata va riconosciuta a sir Aubrey senza se e senza ma, che prescinde dai gusti e le propensioni di ciascun lettore: un libro non adatto a tutti, che può risultare monotono e noioso per chi non appartiene al giusto target e non è abituato a leggere molto, per chi non impazzisce per il genere biografico.

Compagno di sbronze – Charles Bukowski


In vista di un lungo periodo di stress da sessione invernale, verso metà dicembre arrivai alla conclusione che a distrarmi da tutto il malloppo di libri da studiare mi sarebbe stato utile un libro poco (anzi per niente) impegnativo, ma allo stesso tempo di forte impatto, sia in senso positivo che negativo. Insomma, avevo voglia di provare una bella scossa. Gettando uno sguardo alla libreria, il mio intuito ha fiutato “Compagno di sbronze” di Charles Bukowski (edito da Feltrinelli). Ho pensato: sono arrivata quasi a 22 anni, ho letto autori sconosciuti al resto del mondo, ma una riga di Bukowski, poeta e scrittore statunitense di origini russe, questa figura mitologica letteraria internazionale, non l’ho ancora letta –escludendo le citazioni copiate e incollate su centinaia di selfie postati Facebook da individui di dubbio spessore culturale-.
E allora mi sono buttata. E buttandomi in “Compagno di sbronze” ho trovato quello che cercavo (purtroppo “solo” la lettura giusta, non un vero compagno di sbronze…ahimè). Bukowski utilizza la figura di Hank Chinoski come alter ego all’interno di molti dei suoi libri, tra cui anche questo di cui vi parlo oggi. Un libro che per certi aspetti assume tratti irrealistici. Una raccolta di racconti snelli e straordinariamente cinici, perversi, drammatici, violenti, feroci e ironicamente critici nei confronti del perbenismo e del conformismo.
Di certi racconti, come Il demonio, L’assassinio di Ramon Vasquez, ne sconsiglio la lettura poco prima di andare a dormire. Un cinismo tagliente e satirico. Proprio quello che mi aspettavo da un Bukowski.

Per seguire le mie recensioni ricorda di iscriverti al blog e al canale Youtube, ti aspetto! 

L’isola di Arturo – Elsa Morante

Novembre è stato particolarmente importante, per varie ragioni. Una di queste è sicuramente stata la scoperta di quella che posso con certezza definire la scrittrice italiana più raffinata che abbia mai avuto il piacere di leggere. E’ stata lei la sorpresa più bella dell’anno. Tuffarsi nella lettura della Morante è stato come approdare a Procida e soggiornarci un po’, girare per le viuzze di quest’isoletta rocciosa galleggiante sul mare napoletano, lasciandomi guidare dalla narrazione di Arturo, il quale rievoca la propria infanzia fino al suo sedicesimo compleanno. Arturo conduce la propria esistenza conduce la propria esistenza in una selvatica solitudine, tra il mare fresco e le campagne, fra scogliere, la spiaggia, i vicoletti abitati dai procidani. Il primo trauma vissuto è legato alla sua nascita: la madre muore di parto, e da quando è bambino, per un certo periodo della sua vita avverte la sua forte presenza sull’isola, ha una cieca fede nella sua esistenza spirituale. Con la pubertà subentra uno scetticismo nero, cinico. Rassegnato. Rilega il pensiero di sua madre in un angolo inconscio della sua mente, dove continua ad agire indisturbato. I tormenti interiori di Arturo crescono diametralmente al suo graduale ingresso nella pubertà,  rendendolo maggiormente irrequieto, fino ad osteggiare il padre, l’unico membro della sua famiglia, la sola persona a ricevere il suo amore più profondo, più viscerale. Amore che il padre non ha mai contraccambiato e alimentato in nessun modo, ma al contrario, inasprito con un costante, freddo distacco, e le sue frequenti partenze verso mete misteriose. In Arturo c’è un’aspra coesistenza tra il selvaggio e il gentiluomo, tra il duro e il passionale. Vive tra i libri, sogna di viaggiare da grande con suo padre, insegnare agli uomini i valori veri. “L’isola di Arturo” è un romanzo interessantissimo da argomentare, cogliendo i molteplici spunti che dona nel corso della storia. Dinamiche sociali particolarmente rilevanti, come il rapporto tra Arturo e la matrigna, il rapporto padre-figlio, la pubertà, l’infanzia solitaria, il viaggio, l’amicizia.
E’ un romanzo commovente, triste, travolgente. Ma facciamo un patto: per non rovinarvi la sorpresa, colgo l’occasione di consigliarvi questa splendida perla da regalare per Natale, adatta a tutti, e in modo particolare a chi ama il dramma.

Buona lettura, e alla prossima!

#NovitàDelMese: Ottobre

Uscito il 3 Ottobre per la Mondadori, “Origin” è il nuovo attesissimo libro di Dan Brown incentrato sulla scoperta, da parte di un professore, del segreto dell’origine della vita. Un fanta-thriller intriso di mistero, codici, scienza, storia e religione che esalta lo stile tipico di Dan Brown che pur nel suo apparente approccio apocalittico, rivela un messaggio ottimistico a favore degli sviluppi ipertecnologici destinati a modificare in maniera sempre più invasiva e intensa la nostra vita.


Novità anche in casa Minimum Fax, con l’esordio di questo gioiellino: “American Dust” contiene la storia non troppo inverosimile di un ragazzo, narrata con semplicità e apparente spensieratezza. Ed è con questa semplicità che viene dipinta l’atmosfera inquieta dell’America del Secondo Dopoguerra. Un romanzo che ha travolto e sconvolto i lettori. Capolavoro di Richard Brautigan, scrittore e poeta statunitense la cui vita è stata devastata dall’alcolismo, morto infine suicida.

 

 

Esce per Edizioni Sur  (collana Big Sur), “La ferrovia sotterranea”  di Colson Whiteheand, ultimo vincitore del Premio Pulitzer e del National Book Award. Al centro del romanzo dello scrittore newyorkese la storia della giovane Cora e del razzismo sempre più feroce. Colson Whitehead  ripercorre, attraverso la storia della protagonista Cora, una lunga serie di dislivelli che emergono da uno dei paesi in cui il razzismo è ancora un tema scottante, una piaga sociale non ancora curata.

Edito da Feltrinelli, “Bacio feroce” è il nuovo romanzo di Roberto Saviano uscito il 12 ottobre, che prosegue così il ciclo de “La paranza dei bambini” e racconta i ragazzi che conoscono solo ferro e piombo,“nati in una terra di assassini e assassinati, disillusi dalle promesse di un mondo che non concede niente”. Le pagine di questo libro sono pagine graffianti, che mostrano una verità cruda e senza filtri nello stile distintivo di Saviano.

 

#AutoreDelMese: Paul Auster

Questa nuova, nuovissima rubrica non poteva che iniziare con l’autore del momento. Su Panorama un intero articolo è dedicato a lui alle sue migliori opere. Parliamo di uno dei più autorevoli autori americani contemporanei: Paul Auster.
Dopo un silenzio prolungatosi per lunghi 7 anni, Auster ritorna clamorosamente sulla scena letteraria incantando centinaia, migliaia di lettori con l’uscita di “4 3 2 1”, un’opera gigantesca (dalla copertina sublime, aggiungerei!), il libro più lungo della sua ultra cinquantennale carriera: oltre 900 pagine stese in circa 3 anni. Vera e propria goduria per gli amanti dei big books.
Auster mette alla prova e sacrifica se stesso, mette in gioco tutto il proprio impegno per superarsi, oltrepassare la soglia dell’eccellenza.
«Mi sono chiuso in casa dalla mattina alla sera. Ho cancellato viaggi, presentazioni, reading. Vedevo Siri per colazione e a sera»

Ma Paul Auster, è colui che ha fatto sognare con la Trilogia di New YorkCittà di vetro (City of Glass), Fantasmi (Ghosts) e La stanza chiusa (The Locked Room) sono i tre romanzi pubblicati separatamente tra il 1985 e il 1987. Einaudi pubblicò nel 2005 l’intera trilogia, nella collana Super Tascabili. Detective privati solitari, pedinamenti, donne misteriose, una città labirintica e ostile, queste sono le peculiarità che caratterizzano le sue opere. Lo scrittore ammette in effetti il proprio debole per i film polizieschi. I romanzi di Paul Auster sono la sintesi rivoluzionaria di influenze diverse. La Trilogia di New York, considerata ormai un classico della nuova letteratura americana, si ispira alle opere di Borges, Beckett, Cervantes e agli scrittori del postmodernismo americano degli anni ’60 e ’70.
I romanzi di Auster approfondiscono temi considerevolmente importanti come i collegamenti esistenti tra finzione e realtà, tra scrittura e mondo, tra autore e creazione, la perdita del linguaggio, l’intertestualità, il caso, il destino e le coincidenze (come in “La musica del caso”), il rapporto padre-figlio, e tanti altri. Una costellazione di riconoscimenti impreziosisce la sua brillante carriera: dalla pluricandidatura all’International IMPAC Dublin Literary Award, alla Medaglia Grand Vermeil al Salone del libro di Parigi, passando per l’elezione alla American Academy of Arts and Letters per la Letteratura.
Senza dubbio tra i libri più amati troviamo “L’invenzione della solitudine”, opera autobiografica che si struttura come un saggio sui ruoli dell’uomo; “Invisibile”; “Diario d’inverno”; Timbuctù”; e “Il libro delle illusioni”.

Ma ditemi un po’ la vostra:
Avete già affrontato Auster?
Volete iniziare?
Cosa ne pensate di “4 3 2 1”?
Quale libro (o libri) avete amato di più?

 

Classic Book Tag! Svevo, Kafka, Hawthorne e…

Simpaticissimo tag sui classici: ci sono quelli che restano nel cuore, quelli che odiamo, che lasciamo in sospeso, quelli di cui adoriamo l’edizione…
Per seguire le chiacchierate letterarie **ISCRIVITI AL CANALE**

Consideratevi taggati!

Per chi voglia partecipare, qui sotto trovate le domande:

1- Un classico di cui hanno parlato tutti, ma che a te non è piaciuto

2- Periodo storico di cui ti piace leggere

3-Fiaba preferita

4- Il classico che ti imbarazza più di non aver letto

5- I classici in cima alla tua lista di libri da leggere

6- Libro (o serie di libri) preferito tratto da un classico

7- Film (o serie tv) preferito tratto da un classico

8- Peggiore adattamento cinematografico

9- Edizioni di classici preferiti che vorresti collezionare

10- Un classico poco conosciuto che consiglieresti a tutti

Il caro prezzo della privacy – Jack Ritchie

“Non c’è romanzo che non si possa migliorare trasformandolo in un racconto breve: nelle mie mani, I Miserabili sarebbe diventato un pamphlet”. Questa breve auto descrizione introduce uno degli autori più ricercati di racconti noir. Ritchie, scrittore statunitense, classe ’22, ha scritto e pubblicato centinaia di racconti in tutto il mondo, e oggi vi parlo della raccolta “Il caro prezzo della privacy”pubblicata dalla Marcos y Marcos nel 2002, per la collana “Le Foglie”. Questo piccolo volumetto conta nove racconti, uno più bello dell’altro.

Lo stile schietto, conciso di Richtie mi ha entusiasmata dalla prima storia, “Profumo di camelie”. In ogni storia c’è un misterioso omicidio, e Richtie con la propria abilità narrativa usa un gioco astuto basato sulle ambiguità, che portano il lettore a seguire una pista apparentemente giusta, per poi  spiazzarlo nel finale. Ogni racconto finito corrispondeva ad un mio “Che razza di genio!”. Con grande fortuna ho iniziato il mio approccio a tutto un genere letterario finora a me sconosciuto proprio con un raffinato narratore come Ritchie.
Originalissime storie che si susseguono, coincidenze che vanno assimilate con lentezza e scene che a volte richiedono di essere rilette per la loro assurdità. La sottile linea che separa apparenza e realtà costituisce lo strumento prediletto con cui Jack Ritchie intesse i suoi brevi, splendidi noir.
Con la promessa di collezionare e leggere il resto dei suoi racconti, vi do appuntamento alla prossima lettura!

Must Read Book Tag!

Chiacchiere letterarie e impappinamenti vari, da Goodreads alle mie prossime letture.

Voi come conoscete nuovi libri da leggere?
I premi letterari influenzano i vostri acquisti?
Che libri leggerete nei prossimi giorni?

CURIOSATE E… FACCIAMO CRESCERE IL CANALE!

Vi aspetto al prossimo video 🙂