Bestiario- Juan Josè Arreola

littlesur7_arreola_bestiario_cover

Grazie a Sur, abbiamo anche qui in Italia il privilegio di conoscere  uno dei maestri del micro-racconto, Juan José Arreola, figura chiave della letteratura messicana del Novecento. “Bestiario” è seguito da un breve testo di José Emilio Pacheco, “l’amanuense di Arreola”, il quale ha giocato di certo un ruolo decisivo nella stesura (Arreola dettò gli appunti per il romanzo breve in una sola settimana). Una miscela di poesia e narrativa, così si presenta la piccola opera dello scrittore messicano. Ogni micro-racconto è dedicato alla descrizione di un singolo animale, e in alcune caratteristiche animali non passano inosservati riferimenti alla natura umana. Sotto certi aspetti la vita di un gufo, di una talpa, di un insetto, non è molto distante da quella di un uomo. Siamo umani e animali, con il nostro egoismo primordiale, con il nostro desiderio di mostrare le nostre penne, con il desiderio di stare in branco o di cacciare in solitudine, con le nostre doti di seduzione riservate alle nostre prede. Non ci rendiamo mai abbastanza conto di quanto simili siano uomo e bestia, di quanto la bestia sia umana -o l’uomo bestiale-.

“Se lo osserviamo bene, il rospo è tutto cuore.”

Straordinaria metafora che Arreola estrae da un animale comune come il rospo: l’apparenza che non lascia spazio alla ragionevole considerazione dell’esistenza di un’anima pura e sensibile dentro un involucro esterno poco estetico. Il bello e il buono che non sempre si tengono per mano.

“Anche se sempre mezzo nudo, lo struzzo dispensa i suoi stracci nelle feste più futili […]: l’uccello che si acconcia tutto ma che lascia sempre la sua intima bruttezza allo scoperto.”

Per antitesi, lo struzzo mette in bella mostra il suo piumaggio, ma la sua natura di pollo lo tradisce. Fare bella figura e mostrare agli altri il proprio lato migliore è priorità di molti. Bellezza estetica che camuffa il brutto. Una superficie minuziosamente curata che copre il peggio di noi. Ma che non basta, perchè non basta il dono della bellezza a giustificare un brutto carattere, una scarsa intelligenza, una miserevole personalità.

50 pagine di estasi letteraria, 5 stelle e tanti elogi per Arreola.     

  • Titolo: Bestiario
  • Editore: Sur
  • Collana: littleSUR7
  • Pagine: 60

 

Annunci

3 commenti

  1. Ciao, ti ho nominato per il liebster award 🙂 Ti lascio il link: https://thebookofwritercom.wordpress.com/2016/08/31/liebster-award-2/

    Liked by 1 persona

  2. … mmmm… mi stuzzica moltissimo questo libro….non conosco l’autore e credo di non aver mai letto nessuno scrittore messicano, il che mi ingolosisce ulteriormente… bellissima segnalazione, devo mettermi a cercarlo!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: