L’inconfondibile tristezza della torta al limone – Aimee Bender

Dopo mesi di sospensione attività, ritorno con questa chicca che ho avuto il piacere di gustare tra un esame di statistica e uno di linguaggio giornalistico. Un tesoro scoperto grazie ad uno dei booktuber più cliccati come Andrea Pennywise, che mi ha lasciata con il fiato sospeso fino all’ultima pagina. “L’inconfondibile tristezza della torta al limone” è stato pubblicato nel 2010, nel 2011 arriva in Italia grazie a Minimum Fax. Un racconto che vede Rose come protagonista, una bimba come qualsiasi altra ma con un’abilità in più: quella di sentire attraverso il cibo gli umori di chi lo cucina. Questo concetto è tanto semplice quanto poetico. I sentimenti che si assaporano: è un dono che tutti vorremmo avere -insieme a quello del teletrasporto e dell’invisibilità- , per capire chi ci interessa capire o conoscere. A Rose basta assaggiare un pezzetto della torta al limone cucinata dalla mamma per intuire un gusto di angoscia e disperazione, e infine senso di colpa. Ben presto e in età precoce si trova a fare i conti con i retroscena della sua vita famigliare che nel corso della lettura si rivelerà ben più anomala (e aggiungerei interessante dal punto di vista del lettore) di quanto ci si possa immaginare. La trama non risulta complessa, i personaggi sono pochi e ben descritti e i paragrafi molto corti (anche due pagine). Si passa da scene di quotidianità a picchi di tensione e suspense, dalla breve descrizione di scene realistiche a descrizioni di particolari surreali e sovrannaturali, eventi ai quali non viene data alcuna spiegazione logica. L’intera storia è scorrevole e tiene incollato il lettore fino all’epilogo finale. I personaggi accettano il proprio destino, che ha a che fare col mistero, col magico, senza cercare di spiegarselo o di modificarlo. Rose scoprirà di non essere l’unica ad avere un “dono”. Mette alla prova se stessa, fa pratica su di sé nel tentativo di spiegarsi quello che succede dentro se stessa. Dramma e amore per la vita e la cucina camminano insieme in questo romanzo che Aimee Bender, autrice statunitense che  meriterebbe a mio avviso molta più notorietà, ha strutturato con sorprendente genialità e uno stile fresco.
E’ una lettura leggera e piacevole, non vi resta che godervela.

Alla prossima!

Annunci

7 commenti

  1. M’incuriosiva molto questo libro, dal titolo!

    Mi piace

  2. Grazie di questa recensione, è una lettura che ho nella lista dei libri da leggere!

    Liked by 1 persona

  3. Molto, molto interessante… grazie per averlo proposto, credo lo metterò tra i libri della mia whishlist..

    Mi piace

  4. Buona domenica.

    Mi piace

  5. Ho in lista questo libro da moltissimo tempo e non vedo l’ora di poterlo leggere. Bella recensione!😊

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: