Archivi della categoria: Letteratura americana

L’inconfondibile tristezza della torta al limone – Aimee Bender

Dopo mesi di sospensione attività, ritorno con questa chicca che ho avuto il piacere di gustare tra un esame di statistica e uno di linguaggio giornalistico. Un tesoro scoperto grazie ad uno dei booktuber più cliccati come Andrea Pennywise, che mi ha lasciata con il fiato sospeso fino all’ultima pagina. “L’inconfondibile tristezza della torta al limone” …

Continua a leggere

Uomini e topi- John Steinbeck

Soltanto 117 pagine sono bastate a proiettarmi dritta nella polverosa, arida California. La pregnanza della scrittura di Steinbeck ha raggiunto il suo ambizioso obiettivo lasciando il sapore di un ricordo, come se avessi vissuto l’esperienza dei ranch californiani in prima persona. A fine lettura, quasi non credevo di aver soltanto fantasticato, sognato. Credevo di aver vissuto, …

Continua a leggere

La Controvita- Philip Roth

Nei cinque capitoli che compongono la struttura architettonica de “La Controvita” (The Counterlife, 1986), i personaggi descritti da Philip Roth (il quale si identifica con Nathan Zuckerman, suo alter ego presente spesso nei suoi romanzi di stampo autobiografico) vivono nel desiderio di stravolgimento delle proprie vite, insoddisfatti di quelle attuali. Autore del romanzo risulta dunque essere Zuckerman, …

Continua a leggere

Quando siete felici, fateci caso – Kurt Vonnegut

Febbraio è stato un mese intenso in cui ho scoperto un mare di autori da perderci davvero la testa. Vi parlo di Kurt Vonnegut, uno dei maggiori scrittori americani contemporanei. E’ un romanzo abbastanza recente di cui difficilmente non ne avrete sentito parlare. Ebbene, ciò che caratterizza Vonnegut è il suo modo di metterti davanti la …

Continua a leggere

Lezione di anatomia- Philip Roth

Il 2016 inizia così. Per tanto tempo ho aspettato di leggere un romanzo di Roth, dunque quale miglior modo per inaugurare il nuovo anno. Ho scelto di leggere questo romanzo senza leggerne prima la trama, insomma, mi aspettavo una sorpresa: e la sorpresa, fortunatamente, è arrivata. Lo stile del romanzo è“feroce,sincero”, come J. Updike l’ha definito. …

Continua a leggere